27 novembre 1939: news

Attività politica e diplomatica. A Londra, Re Giorgio firma il decreto che ordina l’stensione del blocco navale alle esportazioni tedesche. Il decreto non entra in vigore immediatamente, in conseguenza alle rimostranze dell’Italia, dal Giappone, dal Belgio, dall’Olanda, dalla Danimarca, dalla Svezia, dall’Iran e da altri Stati neutrali.
war-News(in merito specificatamente a questa questione, per le vibranti note di protesta presentate nei giorni precedenti da tutti i paesi sopracitati, per la spocchia con la quale si è evitato di abbozzare loro una risposta, per i danni economici già arrecati e per quelli preventivati, l’Inghilterra e la Francia erano già meritorie di ricevere, a loro volta, una dichiarazione di embargo commerciale congiunta al fine di comprendere a fondo il significato della loro rappresaglia contro la Germania. ndr)
Il Governo finlandese smentisce formalmente che nella giornata di ieri i presidi finlandesi presso le frontiere abbiano sparato colpi di cannone contro le truppe russe. Respinge pertanto le proteste sovietiche e si dichiara pronto a ordinare il ritiro delle truppe dal confine, purchè i russi facciano altrettanto.
(e sarà proprio in questa fase che si rivelerà la falsità delle accuse sovietiche, atte unicamente a legalizzare un attacco improvviso ingiustificato per tentare di prendersi con la forza bruta qualcosa che desiderano da secoli.)
A Londra il Ministro degli Esteri, Halifax, riceve l’ambasciatore russo Maiski e gli comunica che il governo britannico mantiene una rigorosa imparzialità nei riguardi del conflitto russo-finlandese e nutre la speranza che esso possa essere risolto pacificamente.
(ad Halifax si sarebbe potuto chiedere, come mai non ha chiesto al russo come è venuto in mente ai suoi compagni bolscevichi di invadere la Polonia solo 15gg dopo la Germania, quando ormai era già stremata ed in secondo luogo cosa stessero tramando in quei giorni… perchè, intanto, al confine della Carelia stavano giungendo quasi il doppio di truppe motorizzate con un movimento di rifornimenti senza precedenti. Ancora ad Halifax, si potrebbe far notare che l’Inghilterra non ha mantenuto una rigorosa imparzialità quando la Germania ha invaso la Polonia, in quel caso – infatti – si è proditoriamente dichiarata guerra! come mai?).

 

Attività militare. La nave olandese Spaarndam, di 8857 tonnellate, salta in aria alla foce del Tamigi, per urto contro una mina.
Aerei tedeschi volano sul Firth of Tay e aerei britannici su Wilhelmshaven.

Spaarndam-ship

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: