l’ora politica – l’inizio –

commissarioFerri

Tutte le sere il commissario politico impartiva «l’ora politica» a cui dovevano partecipare tutti gli uomini liberi, compresi i miei fratelli.  Mio padre invece si teneva in disparte in quanto – come altri contadini anziani – era contrario alla politica e alle tessere, tanto che fu imprigionato per alcuni giorni con l’accusa di diventare un potenziale problema, subito l’indomani.

Quando ho letto queste righe in una testimonianza sono inorridito. Mi consideravo un tipo abbastanza scafato, ma questa cosa mi ha reso ancora più perplesso, davvero. La testimone ci riporta immediatamente all’autunno del 1944 a Ca’ di Malanca, ricordando che, terminata questa “ora di scuola”,  i commissari radunavano le squadre di GAP ed impartivano gli ordini per le azioni: cattura di spie, prelevamenti di persone per interrogarle, armi e approvvigionamento di viveri. Mi sono dovuto documentare. Dovevo.

partisan36brigGarib

Questi protagonisti dell’ultima ora, di scuola chiaramente sovietica, erano chiamati ad assolvere compiti di grande rilevanza politico-militare; organizzare e collegare le varie squadre operative, ma – in primis – stimolare una più matura presa di coscienza politica nei partigiani e soprattutto nei più giovani, da contrapporre alla feroce cattiveria dei repubblichini e dei tedeschi.

Ma siamo per caso matti? Di che cosa vuoi parlare a ragazzi di 16/18 anni, che fino a ieri pomeriggio non hanno fatto altro che tagliare la legna o trebbiare quel poco che rimaneva dopo il blocco del grano; di politica? Sei un grande! Ma cosa ti sei fumato? Lo so che parlo oggi a distanza di 70 anni. Lo so! Ma la gente, allora, non ti poteva seguire, non ti poteva capire! Parlo dei ragazzi di montagna che non sapevano nulla di politica. Tuttalpiù potevano conoscere un sentimento patriottico inculcato dai discorsi sentiti in casa… Ma qui mi sento di abbracciare completamente la tesi di Pansa, laddove dice: che esisteva un piano preordinato del PCI teso unicamente a prendere il potere totale in Italia. Con un traguardo pieno di fascino: un mutamento radicale, politico ed economico, della società italiana, fondato sulla scomparsa del capitalismo privato sostenuto dai fascisti.

Quindi, una strategia mirata a forgiare nuove menti giovani ed incontaminate per ottenere altri scopi privati. Normalmente, sarebbe potuto servire solo il comandante militare.  Già! E le ragazze? L’una per seguire i fratelli, l’altra il “moroso”, l’altra ancora per sfuggire alle rappresaglie nazifasciste. Tutte con compiti di infermiere, staffette, addette al vestiario o al rancio.

partisanCadiMalanca

Insomma, quest’azione politica dei commissari della 36° ( in larghissima maggioranza comunisti) diviene così incisiva che alla fine dell’estate del ’44 quasi tutti i partisans sono sensibili alla visione comunista perché vedono nel programma del PCI l’avversario più deciso contro il fascismo. Ma non perdiamo di vista i numeri. Nel marzo dello stesso anno i militanti sono saliti a 30-40mila. In ottobre, nella sola Italia del Nord, i comunisti in continuo contatto col Partito risulteranno circa 70mila. Nelle nostre zone montane si racconta che la 58° Brigata Oreste fosse l’unica a non essere comunista; ma dei suoi 300 partigiani ben 120 avevano la tessera del PCI!

Alla maturazione politica contribuisce anche il «giornale della brigata», un foglio dattiloscritto che un giovane Luciano Bergonzini riesce a compilare clandestinamente a Bologna.

L.Bergonzini

preziose sono le sue immagini girate il 21 aprile 1945 durante la Liberazione di Bologna. Qui alcuni fotogrammi.

.frame4          frame3          frame2          frame1

E con questo giornale il commissario otteneva, diremmo oggi, nuovo materiale promozionale. Il compito primario, quindi, era quello di far diventare – la vera battaglia per il potere – la battaglia della Resistenza. Si apprende che il debole rapporto iniziale fra brigata e popolazione contadina si trasformi poi, con la lotta quotidiana, in partecipazione attiva. Solo in questo modo si raggiungono i numeri sopracitati. Questo clima concitato crea i primi focolai di nuovi personaggi: i falsi partigiani; ladri e rapinatori comuni che hanno come unica bandiera comune la lotta di classe. Avvantaggiati poi dal fatto che, in questi mesi, i GAP e le SAP si sono sostituite alle Forze dell’ordine ormai completamente assenti nelle zone periferiche e di campagna.

partigiani-36brigata+g

Parallelamente, si registrano situzioni incontrollate. Ad esempio, per il CLN esisteva una regola dichiarata: di controllare che il partigiano avesse in tasca non più di di 150 lire.  Il commissario doveva supervisionare le tasche altrui; ma la regola cambiò. Se si prelevavano contanti a fascisti o a spie, la regola non valeva più perché la cosa andava a rimpinguare le casse del Partito. Va mo là! Quindi si potevano portare o avere anche 3000 lire nello zaino!  Queste cose si sanno perché (come sempre succede) qualcuno ha parlato. Un’altra cosa incredibile è la forsennata esigenza di ricercare sempre nuovi promoter del Partito. Anche tra i preti! Che è una contraddizione nei termini: PCI e Chiesa! Ma nei mesi finali del ’44, i commissari avevano il dovere di contattare il parroco di ogni zona per invitarlo a propagandare in favore della Resistenza. Qui, l’argomento si amplierebbe molto e lo evito.

continuawork_in_progress

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: