Amedeo Guillet

Il comandante diavolo.

Sembra di parlare di un mondo quasi fiabesco, lontano nel tempo, ma è tutto vero.

Il documentario è la storia straordinaria di un uomo dai mille volti: ufficiale, agente segreto, ambasciatore, stalliere, acquaiolo, scaricatore di porto e soprattutto guerrigliero. Un uomo imprevedibile e temerario che per restare fedele al suo codice d’onore cambierà identità, patria e lingua. La sua avventura comincia con la disfatta fascista in Africa orientale. Oggi, sembra più conosciuto in Inghilterra che in Italia. Eppure la sua epica storia è tutta italiana. Nel 1938, sotto il comando del duca Amedeo d’Aosta, forma il “Gruppo Bande a Cavallo dell’Amhara” composto da circa 1500 ascari di varie etnie del Corno d’Africa, col quale si distinse per alcune eroiche vittorie. Tra tutte quella più importante è forse quella del gennaio 1941, quando, a Cherù, in Eritrea, la cavalleria di Amedeo Guillet caricò una formazione di carri armati inglesi armati, la “Gazelle Force”, di sole spade, pistole, fucili e bombe a mano. Carne contro acciaio: tra morti e feriti persi 800 uomini. Ma vinse. Nell’ aprile del 1941, in Africa Orientale, mentre le truppe britanniche entrano vittoriose ad Asmara, l’esercito italiano è costretto alla ritirata. Nel caos generale gli Ascari disertano, i civili fuggono dove possono. Il giovane ufficiale italiano il tenente Guillet, rimasto solo con un centinaio di Ascari a cavallo decide di non arrendersi. Continua la sua guerra personale. Gli Inglesi mettono sulla sua testa una taglia di mille sterline oro, vivo o morto. Tolta l’uniforme militare, il tenente indossa il turbante e la futa, tipici dell’abbigliamento abissino. Inizia qui una vita densa di avventure, di travestimenti, di fughe.

Da leggere c’è un libro scritto da Sebastian O’Kelly:

o per approfondire c’è il documentario sul sito www.557.it

Bello poter parlare di uomini così.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: