eliminare la Resistenza

Sicuramente arrivo in ritardo, ma arrivo.

Cito:

IL GOVERNO HA DECISO DI ELIMINARE LA RESISTENZA


Semplicemente non c’è.Nei nuovi programmi di storia che si studieranno dal prossimo anno nei licei non si parla di Resistenza.

Così come antifascismo e Liberazione non sono neanche citati. Il buco è al quinto anno, dedicato allo studio dell’epoca contemporanea, dall’analisi delle premesse della I guerra mondiale fino ai nostri giorni. La nuova articolazione, spiegano dal dicastero di viale Trastevere, è stata dettata dalla necessità di evitare che succedesse, come spesso è successo, che non si arrivasse neanche a fare la II guerra mondiale. Troppo poco, ecco perché la commissione per la storia, presieduta da Sergio Belardinelli, ha deciso di assegnare un intero anno di studi al Novecento. Nella formulazione dei temi fondamentali, le indicazioni nazionali precisano che «non potranno essere tralasciati i seguenti nuclei tematici»: l’inizio della società di massa…«il nazismo, la shoah e gli altri genocidi del XX secolo, la seconda guerra mondiale, la guerra fredda (il confronto ideologico tra democrazia e comunismo), l’aspirazione alla costruzione di un sistema mondiale pacifico (l’Onu), la formazione e le tappe dell’Italia repubblicana».


Si passa poi alla formazione dell’Unione europea e agli Usa, «potenza egemone, tra keynesismo e neoliberismo», senza tralasciare «il rapporto tra intellettuali e potere politico», da affrontare in modo interdisciplinare. A differenza dei vecchi programmi, parole come antifascismo, Resistenza, Liberazione sono sparite. «Nessuna operazione di rimozione», dice a ItaliaOggi Max Bruschi, consigliere del ministro dell’istruzione, Mariastella Gelmini, e presidente della cabina di regia sulle indicazioni nazionali dei licei. «I programmi hanno individuato alcuni nuclei fondamentali lasciando grande libertà alle scuole, ai docenti. Quando parliamo di seconda guerra mondiale e della costruzione dell’Italia repubblicana per noi è evidente che è inclusa la Resistenza». Eppure sulla Shoah, per esempio, si precisa che lo studio deve ricomprendere anche gli altri genocidi, una precisazione che manifesta una sensibilità storica e politica sui cui non si è disposti ad affidarsi all’autonomia e alla bravura dei docenti. «La Shoah è un unicum, poi ci sono altri genocidi su cui non si può far finta di niente. Ciò non toglie, sull’altro fronte, che la Resistenza è un valore imprescindibile, mai pensato di declassarla». Il punto è che un elenco di fatti significativi di un periodo può facilmente essere accusato di parzialità se non li cita tutti. «Il nostro non è un elenco esaustivo e prescrittivo, abbiamo solo indicato macrotemi», dice Bruschi. Che nega che possa esserci il rischio che la Liberazione finisca per essere liquidata in due righe e la lotta partigiana magari in una nota. «Che esagerazione, non c’è nessun rischio di questo tipo. Ma se il fatto che nei programmi non c’è la parola Resistenza è un problema, allora… possiamo sempre reinserirla», ribatte.


I programmi infatti non sono ancora definitivi. Genitori, insegnanti e associazioni possono dire la loro alla Gelmini sul forum dell’Indire. C’è tempo fino al 22 di aprile.

 

Ne parlavo giorni fa con mia moglie (che sopporta ormai tutto di me e per fortuna…) e non credevo che la cosa fosse del tutto vera; ma il primo pensiero che mi viene naturale è che a scuola la Gelmini non abbia studiato la storia e che, di conseguenza, la cosa non la tocchi più di tanto. Anzi. Altrimenti non c’è spiegazione. O è distratta da altro o è una tremenda e pericolosa irresponsabile. Mi chiedo come possa venirle in mente una cosa così. Rinunciare alla Resistenza è uno schiaffo ad uno dei gesti più alti della volontà del popolo; un inspiegabile colpo di spugna non tanto alla storia in sé, ma una volontà precisa di voler rinunciare alla memoria di migliaia di vite date alla Patria in un tempo così vicino con una leggerezza che definirei diabolica. E che un po’ sa di Fascismo.

Cosa significa? Che ci permettiamo di nascondere da dove veniamo, noi che ne stiamo parlando, in favore degli Assiri-Babilonesi? Ci permettiamo di parlare di Ciro Menotti o dell’impero Austro-Ungarico e per un mero problema di programma rischiamo di nascondere ai nostri ragazzi ciò che è successo proprio ieri?

Quindi, tra qualche anno nessuno potrà studiare nulla della guerra dei 6 giorni, del Vietnam, della Bosnia, dell’Iraq? Ma siamo matti? La Resistenza, la guerra civile del periodo postbellico e tutta la memoria della storia contemporanea sono argomenti imprescindibili da far conoscere assolutamente!Il sapere cosa è successo al tuo nonno (urgh!) e al tuo bisnonno è molto più coinvolgente e importante del sapere in che anno Napoleone ha varcato le soglie della Russia…Se hai problemi di programma, parti da più avanti nella storia in modo da dare il giusto spazio alla storia moderna almeno fino alla caduta del muro di Berlino. O vogliamo rinunciarci in favore di uno studio approfondito del periodo tra Gregorio Magno e i Normanni?


Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: