la parte di Ciano

La parte di Ciano ­Intanto, il gruppo dei favorevoli si allargava. Bottai por­tò l’adesione di Balella e di Cianetti, sebbene quest’ulti­mo mostrasse qualche perplessità. Bignardi garantiva per De Bono, ma Grandi consigliò di informare il vec­chio maresciallo solo poche ore prima del dibattito: im­pulsivo come era, poteva prendere qualche iniziativa pe­ricolosa. Poi si ripresentò il caso di Ciano su insistenza di Bot­tai, che, sebbene lo negasse, doveva avergliene già par­lato e ad ogni modo gli aveva dato appuntamento in casa propria. Sia pure a malincuore, Grandi andò.
Fra i due non c’era buon sangue. Come diplomatico e ministro degli esteri, Ciano non aveva mai raggiunto l’alto rango di Grandi e la sua posizione di prestigio e di stima nel campo internazionale. Anche il suo Diario rivela gelosia e ostilità’ verso il rivale. Il colloquio tuttavia fu cordiale, Ciano diede la sua adesione e l’indomani portò anche quella dell’ambasciatore Alfieri, convocato da Berlino. «Badate però» disse Alfieri «che i tedeschi non ce la per­doneranno. La loro vendetta sarà spietata.» Così si era arrivati al 24, e non tutti i ventotto mem­bri erano stati interpellati. A parte gli otto di cui era pre­visto il diniego, non c’era stato il tempo di avvicinare al­cuni di coloro che potevano dare l’adesione, come Acer­bo, Rossoni, De Stefani, Pareschi, Gottardi. Per di più, anche l’adesione di coloro che l’avevano data era rima­sta generica e «di massima», senza formale impegno. Ma c’era anche un’altra cosada segnalare, a smentita della leggenda del «complotto» che poi doveva costare ‘la vita ‘agli imputati del processo di Verona: che nessuno di co­loro che si preparavanò alla battaglia aveva cercato e avuto contatti con l’ambiente di corte e coi militari. Sol­tanto Ciano era stato informato del complotto militare da Castellano, che gliene aveva anche mostrato il piano (e questo dica con che leggerezza agivano questi generali di Mussolini). Ma non ne aveva parlato con nessuno. Tant’è vero che, solo pochi minuti prima che la seduta del Gran Consiglio si aprisse, Grandi scrisse questo bi­glietto ad Acquarone: «Caro Acquarone, desidero che S.M. il Re conosca questo ordine del giorno che in questo momento mi reco a sottoporre al Gran Consiglio a palazzo Venezia. Non soltanto come presidente dell’assemblea legislativa, ma come italiano e come soldato; oso supplicare sua maestà in questa ora così grave e decisiva per le sorti della nazio­ne e della monarchia, di non abbandonare la patria. Questo domando al re del 24 maggio, del convegno di Peschiera, del Piave e di Vittorio Veneto». Però, prima di spedirlo, si assicurò ch’esso fosse re­capitato dopo che la seduta erà già iniziata. Dov’era dun­que il «complotto»? Il Re ne era Stato tenuto rigorosa­mente al di fuori; e se qualcosa aveva saputo, 16 aveva saputo da indiscrezioni che non lo impegnavano a nulla. Nessun militare era stato interpellato. Gli uomini che al­le diciassette del giorno 24 varcarono il portone di palaz­zo Venezia erano soli, agivano in proprio senza poter aspettare nulla da nessuno, e il dittatore che stavano per affrontare era esattamente informato delle loro intenzio­ni, aveva da due giorni il testo della mozione e conosce- va perfino gli argomenti con cui il suo ispiratore l’avreb­be illustrata e sostenuta. Tutto si può dire degli uomini del 25 luglio, meno ch’essi abbiano agito a tradimento. Tant’è vero che Bottai, varcando la soglia di palazzo Ve­nezia e vedendone l’androne e le scale formicolanti di militi armati fino ai denti (ce n’era un battaglione), disse a Grandi: «Bell’affare hai fatto a parlargliene. Ora, ec­coci in trappola!».

tornaAlmenu

Indro Montanelli. 1963.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: